Lupo – Video descrizione di Nicola Ruffino

 

Proprio la settimana scorso abbiamo introdotto un articolo che tratta di questo splendido animale: Salviamo i lupi! Chi è il cattivo della favola ora? #1. Questo canide ha una storia, non troppo passata, piuttosto drammatica. Demonizzato dall’uomo, il lupo ha rischiato più volte l’estinzione in Italia.  Un momento critico si è toccato dopo la metà del ‘900, dove il numero di questi animali era davvero scarso. Tutta colpa del lupo o dell’uomo moderno?




La tecnica predatoria del lupo è fine e controllata. Questa importante caratteristica lo rende un importante cacciatore di selvaggina, non che di animali domestici. Per colpa di questa sua brillante qualità, questo animale è stato un acerrimo nemico di pastori e allevatori, sia nel passato che nel presente.

 

Davide Ruffino ci parla in questo video del tanto amato, o odiato lupo. Entreremo nelle dinamiche comportamentali del branco, tanto affascinanti quanto complesse! Scopriremo il ruolo, tutt’altro che semplice, di una coppia alfa e il ruolo che hanno gli altri membri del branco nella cura dei nuovi cuccioli. Non dimentichiamoci dei miti e delle leggende che girano intorno a questi animali! Non crediamo a tutto quelli che ci dicono, ma guardiamo oltre alle apparenze e a quello che ci dice il “dio denaro”.

 

Parole d’autore:

Grande appassionato di animali, zoologia e natura fin dall’infanzia, mi sono laureato in Scienze Naturali (ramo “zoologico”) specializzandomi nello studio della fauna selvatica con continui approfondimenti, ricerche e studi personali che porto avanti anche adesso senza sosta. Non mancano anche tante uscite sul campo per “vivere” la natura, che mi sorprende, mi affascina, mi meraviglia e mi commuove continuamente. La mia missione è cercare -nel mio piccolo- di aiutare gli altri ad aprire gli occhi e a “vedere” almeno una parte di ciò che “vedo” io. Per raggiungere questo scopo gestisco un canale Youtube dedicato alla zoologia e alla natura, e scrivo articoli scientifici e divulgativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *